Bomba navale: la storia del "kamikaze marino"

Un brander è qualsiasi imbarcazione piena di sostanze esplosive o infiammabili e progettata per distruggere le navi nemiche. A differenza dei kaiten giapponesi, questo è un "drone": per attaccare la nave è stato inviato verso la flotta nemica, bloccando strettamente il timone nella giusta posizione.

Forse il precedente più famoso in cui i pompieri ebbero una seria influenza sull'esito della battaglia ebbe luogo l'8 agosto 1588: fu la leggendaria Battaglia di Gravelin, in cui la flotta britannica mise in rotta la Grande Armada, che era considerata invincibile. L'armada fu radunata dalla Spagna per l'invasione della Gran Bretagna, ma gli inglesi trovarono il punto debole dell'enorme flotta: la sua lentezza e lacune nell'organizzazione. Di conseguenza, i pirati inglesi e le flottiglie leggere "mordevano" il mostro galleggiante nella battaglia finale di Gravelin. E la notte prima della battaglia, Charles Howard, il duca di Nottingham, il comandante in capo della Marina britannica, ordinò che le otto navi maltrattate con catrame, polvere da sparo, paglia e sottobosco venissero sparate, incendiate e spedite ciecamente al fianco degli spagnoli ammucchiati in un mucchio. I firewall hanno causato pochi danni fisici, ma hanno causato un terribile panico: per evitare una collisione con navi in ​​fiamme, gli spagnoli hanno tagliato le ancore (non hanno avuto il tempo di sollevarle) - e il giorno successivo non sono riusciti a mantenere la formazione a causa dell'incapacità di atterrare. Inoltre, molte navi hanno subito collisioni.

20 giugno 1667, battaglia di Chatham. Uno degli episodi della seconda guerra anglo-olandese, in cui la parte olandese ha applicato con successo i firewall. Sul lato sinistro del dipinto di Peter Van de Velde, è visibile un fuoco ardente attraccato a una nave britannica.

In linea di principio, proprio un tale obiettivo - seminare il panico, incendiare un paio di navi, rompere l'ordine - i firewall erano portati attorno al V secolo a.C. Nelle battaglie navali, furono anche attivamente utilizzati in Russia: nella battaglia di Chesme contro i Turchi (1770) e anche prima, quando Gangut - persino Pietro I, creando la base della flotta russa, attirò l'attenzione sull'esperienza dell'uso dei firewall in battaglia.

C'era solo un fattore che ha permesso ai firewall di "vivere" come armi per quasi 2000 anni. Questo materiale delle navi è il legno. Non appena nel XIX secolo le navi da guerra iniziarono a essere fatte di ferro, i firewall sembrarono perdere rilevanza una volta per tutte.

Armi della dea della produzione domestica: incrociatori del tipo Diana

Tecnologia del passato

Dal quattordicesimo all'inizio del diciannovesimo secolo, i firewall esistevano come una classe dedicata di navi costruite appositamente per l'uso "suicida". Il dispositivo è stato dettato dal suo scopo: massimo costo basso e semplicità di costruzione, velocità di costruzione, facilità di gestione, posizioni ben ponderate per la posizione di sostanze combustibili ed esplosive. I firewall erano costruiti con uno o due piani e spesso avevano un armamento minimo - se il percorso verso il bersaglio era lungo ed era necessario sparare da altre navi nemiche.

Come è organizzato il firewall Caratteristiche del firewall: una porta nel tabellone tra i cannoni estremi, che consente alla squadra di scendere sulla barca; porta del cavo di accensione per dare fuoco alla bomba navale all'ultimo momento; una catena (anziché una becheva) che tiene la barca ormeggiata.

Dalla solita nave, il firewall si distingueva per alcuni dettagli. Ad esempio, più vicino alla poppa, a bordo era prevista una porta, sulla quale una barca era ormeggiata per l'evacuazione, e l'ormeggio per l'affidabilità era effettuato non da una fune, ma da una catena. La porta consentì all'equipaggio di lasciare la nave coperta dal lato. Nel punto di ormeggio a bordo c'era un altro buco con l'estremità della corda di Bikford che indicava: i marinai lo incendiarono, già seduto nella barca di evacuazione, e la sua lunghezza consentì alla squadra di spostarsi a una distanza di sicurezza.

A seconda della situazione, quasi ogni nave potrebbe essere trasformata in un firewall: nel diciannovesimo secolo, quando i firewall non erano più costruiti come classe, vennero usate come bombe navi non necessarie di altri tipi. Di solito prendevano una piccola nave che aveva servito il suo tempo - decrepito, a volte con dei buchi riparati in qualche modo - o solo una nave la cui efficacia come firewall superava la sua efficacia come una nave cannone. Tutti i preziosi, comprese le armi, furono rimossi, dopo di che la stiva e gli altri locali interni furono riempiti con sostanze combustibili. Molto spesso non usavano navi da guerra, ma navi mercantili che navigavano con la flotta come depositi galleggianti di cibo.

Sezione di un tipico firewall del 17 ° secolo. A. Sabbia per rendere il fondo più pesante. B. Deck con bombe in polvere e rivestimento sui lati, in modo che la nave non collassi in anticipo. B. Un mazzo pieno di bombe e "schegge" - vecchie barche e parti in legno per distruggere la forza lavoro nemica. G. Ponte con materiali incendiari. D. Canale per il ritiro di prodotti antincendio e di combustione.

Con il metodo di consegna di una bomba galleggiante a un bersaglio, i firewall possono essere divisi in diversi tipi. Il primo tipo era destinato a dare fuoco a una nave nemica. Tipicamente, un tale firewall era gestito dalla squadra fino alla fine - il compito dei marinai era di ormeggiare la nave in fiamme al nemico, e quindi evacuare dalla parte opposta in una barca preparata in anticipo. Un'altra varietà era solo una bomba: il team ha semplicemente diretto la nave verso il nemico e ha lasciato il firewall, senza aspettare una collisione, seguito da un'esplosione. Come già accennato, con un bel vento o corrente, i pompieri potevano semplicemente dirigere la flotta nemica senza un comando, con un timone fisso.

Naturalmente, c'erano metodi di lotta. Il modo più semplice era sparare a una nave dei pompieri dai cannoni nella speranza di danneggiare il volante fisso, abbattere l'albero o, nella migliore delle ipotesi, far esplodere la polvere a una distanza decente dal bersaglio. Pertanto, l'efficienza del firewall in mare aperto era quasi nulla: una nave da guerra manovrabile è riuscita a distruggere la "bomba" sulla strada. Tutte le applicazioni di successo dei firewall hanno avuto luogo in "strozzature", in porti e stretti, dove si sono accumulate molte navi che interferivano l'una con l'altra. C'era un'altra tecnica: i cannonieri delle navi attaccate cercarono di salire sulla barca sulla quale la squadra doveva essere evacuata. Se la barca fosse persa, il team potrebbe schierare un firewall: i marinai europei non differivano nel loro desiderio di sacrificio.

Nuova vita

Ma il XIX secolo ha dettato le sue regole. Una nuova arma più a lungo raggio ha permesso di sparare e affondare il fuoco a una distanza di sicurezza, e il fuoco non poteva causare danni alle navi di ferro come quelle di legno. Tuttavia, la tecnologia non è morta, ma è cambiata.

La collisione con il successivo incendio doloso o esplosione divenne completamente inefficace, ma durante la guerra russo-giapponese, gli attentatori suicidi trovarono un altro uso. Durante il leggendario assedio di Port Arthur, i giapponesi hanno cercato di bloccare l'ingresso nel porto per le navi russe, allagando diverse navi commerciali in un collo di bottiglia. Il tentativo fallì (su nove trasporti nel posto "giusto" solo uno affondò, gli altri furono silurati o colpiti dall'artiglieria costiera lungo la strada), ma il termine "marchio del fuoco" ricevette un nuovo significato. Tuttavia, l'inondazione di navi per bloccare una determinata zona d'acqua chiusa fu praticata nel XVI secolo, proprio in quel momento altre navi furono chiamate firewall. Un blocco di questo tipo era comune anche nelle ultime battaglie navali - ad esempio, nelle Isole Orcadi, condotte e alberi di navi allagati durante le due guerre mondiali sporgono ancora da sott'acqua.

Il cacciatorpediniere Thatcher (in seguito ribattezzato Niagara), lanciato il 31 agosto 1918, è il fratello gemello del cacciatorpediniere Campbeltown.

Stranamente, durante la seconda guerra mondiale, i firewall hanno anche ricevuto una nuova vita nel senso classico del termine. Un incidente interessante con il loro uso fu l'Operazione Lucid, progettata dal comando britannico alla fine del 1940. Nel luglio del 1940, la Francia era caduta e le truppe tedesche iniziarono a prepararsi all'invasione della Gran Bretagna. Navi da trasporto e militari disperse lungo la costa settentrionale della Francia. La Gran Bretagna cercò di impedire l'atterraggio; la Royal Air Force partì per bombardare preventivamente i trasporti tedeschi. Ma per distruggere due seri gruppi di trasporti, gli inglesi decisero di usare i firewall.

Diverse petroliere preistoriche, che sono state a lungo inutilizzate per lo scopo previsto, agirono come navi suicide: War Nizam (1918), War Nawab (1919), Oakfield (1918). Le navi si aggiustarono e si riempirono di circa tre tonnellate di cocktail infernali (50% di olio combustibile per uso navale, 25% di olio motore e 25% di benzina), chiamate la "miscela speciale di Eger" in onore di Augustus Eger, il capo dell'operazione. Un po 'di cordite e nitrocellulosa sono stati aggiunti alla miscela per aumentare l'effetto esplosivo. Abbiamo condotto test preliminari su una coppia di piccoli firewall - l'effetto è stato buono: secondo tutti i calcoli, un firewall fatto esplodere in prossimità di navi vicine potrebbe avere un effetto devastante a una distanza fino a 800 m.

Il bacino di carenaggio della città di Saint-Nazaire è l'unico bacino sulla costa dell'Oceano Atlantico, in grado di accettare grandi navi da guerra, in particolare il Tirlitz. Il sito di attacco del distruttore di Campbelltown è stato evidenziato.

Il 26 settembre 1940, tutti e tre i pompieri salparono per il loro ultimo viaggio sotto la scorta di un numero di piccole navi militari - due navi a Calais e una a Boulogne. Ma inizialmente le pessime condizioni tecniche delle vecchie navi colpirono: dapprima, Oakfield iniziò quasi a crollare, e poi la centrale elettrica di War Nizam rifiutò. L'operazione non aveva senso con una nave e doveva essere abbandonata. Successivamente, furono fatti molti altri tentativi - il 3 e l'8 ottobre, ma fallirono a causa del maltempo.

Ultimi scoppi

Ci sono stati molti altri esempi di utilizzo dei firewall, più efficaci. Il più famoso a questo proposito è l'Operazione Chariot, a causa della quale gli inglesi distrussero completamente le coste della Francia, nella città di Saint-Nazaire, il più grande bacino di carenaggio tedesco in grado di accettare l'ammiraglia Kriegsmarine, la corazzata Tirlitz. La principale forza d'attacco dell'operazione fu il distruttore distrutto di Campbeltown. Fu facilitato il più possibile in modo da poter passare attraverso piccoli fairway, tagliare parte dei ponti, in modo che la sua sagoma da lontano somigliasse a una nave tedesca e, cosa più importante, caricarono 4, 5 tonnellate di esplosivo e lo nascosero dietro falsi muri di cemento all'interno della nave.

Ufficiali tedeschi sul ponte di Campbelltown dopo l'attacco. 9 ore dopo il montone, quando l'attacco fu respinto e i tedeschi esaminarono con calma il cacciatorpediniere nemico, il fuoco esplose, distruggendo 360 persone, tra cui 40 ufficiali, due petroliere e, di fatto, il molo.

La mattina presto del 28 marzo 1942, Campbelltown, sotto il fuoco pesante, raggiunse i cancelli del bacino e li speronò - senza esplosione. Parallelamente, gli inglesi spararono e bombardarono Saint-Nazaire, così come lo sbarco di commandos. Durante l'attacco, i tedeschi subirono una serie di feriti: le truppe di sabotaggio distrussero diverse armi, navi e chiuse furono danneggiate, ma alla fine gli inglesi furono costretti a ritirarsi; durante l'attacco, la squadra di Campbeltown fu evacuata. Dopo aver respinto l'attacco, i tedeschi si rilassarono. Un folto gruppo di ufficiali e soldati partì per studiare la Campbeltown ormeggiata nel molo. Dopo quasi nove ore, alle 10:30, il firewall è esploso in modo pianificato, distruggendo completamente il molo e allo stesso tempo più di 250 soldati e ufficiali tedeschi, nonostante le gravi perdite dei commando durante l'atterraggio distratto, l'operazione è stata un successo.

Barca antincendio tedesca Ladungsschnellboot Linse (Lenticchie) radiocontrollata. Le barche lavoravano in tripli: due firewall e una barca di controllo. L'operatore del firewall è stato evacuato poco prima dell'esplosione e si è trasferito sulla barca di controllo. In battaglie reali, il firewall si è rivelato inefficace.

Un tentativo di utilizzare i firewall nella seconda guerra mondiale fu notato anche dall'Italia. Nel 1938, fu costruita una serie di 18 barche compatte MT (Motoscafo da Turismo): leggere, dotate di un motore Alfa Romeo da 95 cavalli, in grado di accelerare a 60 km / he regolarmente riempite con 330 kg di esplosivo. Il pilota era a poppa; bloccando il volante, ha dovuto saltare su una zattera di salvataggio speciale prima di una collisione con un bersaglio.

Schema di una nave antincendio italiana di tipo MT (Motoscafo da Turismo). Le barche furono usate con successo da italiani e israeliani nella guerra arabo-israeliana del 1947-1949.

MT prese parte a diverse operazioni, la più efficace delle quali fu l'incapacità dell'incrociatore pesante britannico York il 26 marzo 1941 - il raid fu chiamato "Attack in the Bay of the Court". Sei navi hanno preso parte all'operazione: sono state calate da mezzi di trasporto più grandi, sono state portate alla baia di notte e hanno attaccato alle 5:30. Oltre a York, l'autocisterna norvegese Pericle fu distrutta e le navi scivolarono oltre altri due trasporti. Tutti e sei i piloti italiani furono catturati, ma l'operazione fu considerata riuscita.

I vertici della tecnica del brander raggiunsero la fine della sua storia, dopo la seconda guerra mondiale. Nell'estate del 1946, vicino all'atollo di Bikini nel Pacifico, gli americani condussero una serie di test con bombe atomiche chiamato Operation Crossroads. Ma se la prima esplosione (in grado) è stata fatta da un bombardiere, la seconda bomba (Baker) è stata montata su una corda (a una profondità di 27 m) sul fondo della nave da sbarco USS LSM-60. Lanciata il 29 luglio 1944, la nave combatté parecchio, prendendo parte alla battaglia di Iwo Jima. Lo scopo del test nucleare era studiare l'esplosione subacquea e il suo effetto sulle navi situate intorno. L'esplosione affondò otto navi (senza contare lo stesso LSM-60) situate a una distanza compresa tra 155 e 1050 m dall'epicentro. Cinque mesi dopo, il nono catturato incrociatore pesante tedesco "Prince Eugen" affondò durante il trasporto, la cui contaminazione radioattiva non consentiva di effettuare riparazioni per mantenere la nave a galla. Tutte le altre navi hanno subito gravi danni e, in primo luogo, significative contaminazioni radioattive e operazioni di disinfezione non hanno dato risultati, le navi bersaglio hanno dovuto essere allagate. Nel complesso, l'operazione ha dimostrato che l'efficacia di tale guerra non è in dubbio, ma è pericolosa per entrambe le parti in guerra. USS LSM-60 è considerata l'ultima nave firewall nella storia.

Successivamente, gli italiani svilupparono altre due generazioni di barche antincendio: MTM e MTR. I primi furono usati, ma i secondi furono sfortunati: il sottomarino Ambra che li trasportava sul luogo dell'operazione fu affondato dall'aria. È interessante notare che i quattro sopravvissuti alla guerra MTM andarono alle forze armate israeliane in seguito, e gli israeliani ne usarono con successo tre durante la guerra arabo-israeliana del 1947-1949. Nell'ottobre 1948, con l'aiuto dei firewall, furono affondate la nave di pattuglia dell'Emir Faruk e uno spazzino.

I firewall che esplodono possono essere utilizzati ai nostri tempi - nel formato di barche compatte piene di esplosivi. Tali tattiche sono talvolta utilizzate dai terroristi (ad esempio, l'attacco di al-Qaeda al cacciatorpediniere USS Cole nella baia di Aden nell'ottobre 2000), ma negli ultimi tempi non vi sono stati firewall nelle operazioni militari. Tuttavia, le guerre si riducono ogni anno e lasciano che i firewall rimangano parte della storia.

L'articolo "Bomba navale" è stato pubblicato sulla rivista Popular Mechanics (n. 7, luglio 2014).

Raccomandato

Nuovi coronavirus: l'umanità finirà?
2019
Trasporto del futuro: mito o realtà?
2019
Il supercomputer più potente al mondo basato su chip AMD
2019